Chi vogliamo che assomigli a chi?

Qualche giorno fa mi sono imbattuto nel corto Alike, un vero e proprio capolavoro, sia per l’animazione, che per la narrazione e l’impatto visivo. E ancora più di tutto questo, per gli spunti di riflessione che vengono suggeriti.

Il titolo del corto, Alike, significa “essere simili”. Il corto tuttavia ci vuol far pensare. Chi vogliamo che assomigli a chi? I bambini agli adulti o gli adulti ai bambini?
Le aspettative di noi genitori sono condizionate dal nostro modo di pensare da adulti. Il corto ci sembra invece suggerire di avere un’attenzione particolare per quello che i bambini hanno da insegnarci. Personalmente non perdo mai l’occasione di osservare il comportamento dei miei figli e di cercare di assimilare da loro il loro atteggiamento incontaminato e gioioso nei confronti della vita. Quando torno a casa alla sera provo esattamente la stessa sensazione del personaggio del video che quando abbraccia il figlio torna ad essere colorato. Un senso di ritorno alla vita.
Nei nostri figli si nascondono grandi talenti, a volte un po’ troppo stravaganti per essere presi sul serio, a volte un po’ troppo rischiosi per poterci sentire a nostro agio nell’incoraggiarli.
E’ importante fare attenzione perchè sono proprio queste loro qualità particolari da bambini che colorano la nostra vita da adulti e “coloreranno” il mondo se lasceremo loro lo spazio per farlo.

Rispondi